Nuovo studio IBM: i consumatori saranno parte attiva del mercato dell'Energia del prossimo futuro


Select a topic or year


Milano - 13 nov 2007: In occasione del WEC (World Energy Congress), l'evento mondiale dedicato al mondo dell'energia in corso in questi giorni a Roma, IBM presenta le proprie previsioni sul futuro del mercato delle Utility, così come emergono da un nuovo studio dell'Institute for Business Value, il centro di studi strategici di IBM.

Il mercato delle Utility sta velocemente avvicinandosi a un punto di svolta. Le compagnie oggi devono predisporsi necessariamente ad entrare a far parte di una Rete Partecipativa dell'energia che abiliterà gli utenti a compiere scelte tra un'ampia gamma di fornitori, gestire attivamente i propri consumi di energia e infine commercializzare il surplus di energia che essi stessi genereranno.
Lo studio - che si fonda su una ricerca condotta in collaborazione con la Economist Intelligence Unit, intervistando 1900 utenti/consumatori in sei paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Olanda, Giappone e Australia e oltre 100 top manager di aziende operatrici in 26 paesi tra Nord America, Asia ed Europa - contiene previsioni su alcuni aspetti fondamentali quali: come sarà il mercato delle utility nei prossimi 5-10 anni e le sue tendenze e problematiche fondamentali, sia dalla prospettiva degli utenti che degli operatori.

Ecco alcune evidenze che sono emerse:
- eccezionale disponibilità di dati e informazioni ricavati dall'analisi dei consumatori
- utilizzo di tecnologie grid intelligenti
- associazione ad esse dell'analisi dei cambiamenti di comportamenti e attitudini, in relazione a temi quali il desiderio di rispettare l'ambiente, la ricerca della massima efficienza energetica, l'utilizzo di energia da fonti rinnovabili e la personalizzazione dei servizi domestici.

Panoramica dello studio di IBM - "La Rete Intelligente" - progetti dei clienti e risultati
Il concetto di "Rete Intelligente" o Smart Grid (incluse le informazioni collegate a come può essere costruita e quali benefici offrirebbe) è al cuore della visione di IBM sul futuro dell'energia e del mercato delle utility. Esso include una combinazione di dati analitici e tecnologie intelligenti che porteranno ad una interconnessione totale di tutte le componenti di un'azienda utility, consentendo l'accesso in tempo reale ai suoi processi operativi e ai dati fondamentali. Dal punto di vista dell'utente/consumatore, la Rete Intelligente amplierà la gamma delle opzioni possibili e consentirà un maggiore controllo sui consumi di energia e una maggiore capacità di scelta tra le diverse fasce di prezzo.
Quando le aziende fornitrici di energia non vorranno o non saranno in grado di soddisfare i bisogni dei consumatori, questi avranno un’alternativa sempre più profittevole, cioè i mezzi tecnologici per generare la propria elettricità. Dall'indagine IBM sui consumatori emerge che oltre la metà sarebbe interessata all'autogenerazione se questa portasse a un risparmio del 50% sui costi di energia, a un'affidabilità del 100% senza costi aggiuntivi, o alla possibilità di rivendere l'energia generata alla propria utility. Inoltre, anche tra i top manager del mercato delle utility intervistati, oltre la metà crede che la disponibilità di nuove tecnologie potrebbe spingere entro il prossimo decennio una percentuale significativa di clienti domestici e di aziende di piccole dimensioni verso l'autogenerazione.

In poche parole, vi sarà un enorme crescita del potere decisionale da parte dei singoli consumatori. Questa panoramica, include esempi concreti derivanti da alcuni progetti sui quali IBM ha lavorato, tra i quali l'AEM Torino, in Italia, Oxxio, in Olanda, CenterPoint Energy, negli Stati Uniti e i progetti Pacific Northwest GridWise e Ontario Energy Board Smart Price, condotti rispettivamente in Oregon e Canada.

Le prospettive del mercato aperto dell'energia in Europa, il ruolo dei legislatori e le aspettative per il futuro.
A quattro mesi dalla deregolamentazione del mercato europeo dell'energia e con l'inizio della stagione dei riscaldamenti invernali, quali cambiamenti e aspettative ci attendono nei prossimi mesi?
Quale ruolo giocheranno la Commissione Europea e i singoli governi nazionali nel dare forma al nuovo mercato, aumentare l'efficienza energetica e la sicurezza degli approvviggionamenti? Con il crescente livello di interesse per le fonti di energia rinnovabile (eolica, solare, idroelettrica) come opererà il mercato europeo dell'energia per favorire lo sviluppo di offerte in grado di soddisfare insieme la domanda e i requisiti ambientali?

Nuove tecnologie saranno alla base dei maggiori cambiamenti del settore
Dallo studio emerge che, da una prospettiva tecnologica, contatori intelligenti, automazione delle reti e generazione distribuita, saranno responsabili dei maggiori cambiamenti nel breve periodo. I contatori intelligenti potranno fornire ai consumatori le informazioni necessarie per consentire una migliore gestione dei consumi e dei costi dell'energia.

Lo studio in versione integrale si trova al seguente link:

http://www.ibm.com/services/us/index.wss/ibvstudy/gbs/a1029014

XML feed collegati
Argomenti XML feed
Ricerca
Notizie dai Laboratori