Vai al contenuto principale

IBM ha nominato il primo Chief Accessibility Officer

Personalizzazione e tecnologie mobile per ridefinire l’accessibilità

Milano, Italia - 23 lug 2014:

IBM ha nominato Frances West suo primo Chief Accessibility Officer. In questo nuovo ruolo, West guiderà in IBM politiche e ricerca relativi all’accessibilità. Inoltre, sarà responsabile della collaborazione di IBM con le imprese, il Governo e le Università nella promozione di standard e politiche di accessibilità.

"Il successo delle imprese e delle Istituzioni, e il loro impatto nel mondo, sarà sempre più determinato da quanto facilmente si relazioneranno con le persone", ha dichiarato Ginni Rometty, Chairman, Presidente e CEO di IBM. "Vediamo una grande opportunità nel disegnare, a partire dalle regole di base, l'accessibilità, migliorando le capacità degli individui attraverso la tecnologia - e siamo intenzionati a guidare questo settore."

Oltre al miliardo di persone con disabilità presenti nel mondo, sono da tenere in considerazione il progressivo invecchiamento della popolazione e le persone che hanno problematiche legate al linguaggio, all'apprendimento e le sfide relative all’alfabetizzazione. Poiché i dispositivi mobile stanno diventando il principale mezzo per coinvolgere i consumatori, i lavoratori e i cittadini, possono diventare la piattaforma di trasformazione atta ad ampliare l'accessibilità.

"IBM ha da tempo abbracciato il tema dell'accessibilità per creare un ambiente in cui tutte le persone possano fare il loro lavoro e raggiungere il loro pieno potenziale", ha dichiarato West. "Crediamo che la tecnologia possa colmare le differenze individuali, mettere in relazione team composti da competenze diverse nei propri luoghi di lavoro e migliorare la vita in generale. Siamo ad un punto di svolta, ora possiamo cominciare a personalizzare ogni esperienza, integrando la tecnologia in modalità che permettano di attivarne l’altissimo potenziale."

West lavorerà con i team IBM che in tutto il mondo stanno guidando progetti che hanno l’obiettivo di offrire tecnologie accessibili e di facile utilizzo al mercato. Per esempio:

  • IBM Interactive sta lavorando con i clienti per integrare tecnologie come riconoscimento vocale, traduzione text-to-speech in tempo reale o preferenze location-based per creare esperienze più personalizzate e rimuovere gli ostacoli persistenti e situazionali per i loro clienti.
  • La piattaforma cloud Bluemix IBM fornirà un ecosistema di servizi di accessibilità, dagli strumenti di sviluppo per la progettazione e la sperimentazione ai servizi per la conformità a livello aziendale.
  • IBM progetterà per l’accessibilità app e soluzioni per sbloccare il potenziale nella mobilità in azienda.
  • IBM Watson estenderà le capacità dei singoli individui amplificando le conoscenze grazie alla grande quantità di dati disponibili, utilizzando il linguaggio naturale in altri settori oltre a quello dei servizi finanziari e della medicina personalizzata.

"Frances è un leader riconosciuto ed è stata determinante nel sostenere le politiche tecnologiche inclusive e gli standard di accessibilità." ha dichiarato Axel Leblois, Presidente e Direttore Esecutivo di G3ict, Global Initiative for Inclusive Information and Communication Technologies (un’iniziativa globale delle Nazioni Unite). "Rimuovere le barriere e fornire agli individui la possibilità di progettare la propria esperienza è il modo giusto per creare un ambiente inclusivo".

Frances West è entrata in IBM Research come responsabile del Centro Human Ability & Accessibility. Ha fatto parte dei Consigli di Amministrazione dell’Associazione Americana delle persone con disabilità, dell'Assistive Technology Industry Association e della US Business Leadership Network, tra gli altri. Attualmente siede nel Consiglio di Amministrazione dell'Istituto Mondiale sulla Disabilità, è un Amministratore Fiduciario presso il National Braille Press e Consulente National Business & Disability Council.

Per più di 100 anni, IBM ha sviluppato tecnologia per le persone di tutte le abilità. Alcune delle sue prime innovazioni includono la prima stampante Braille, la macchina da scrivere “parlante” e il primo lettore di schermo utilizzabile a livello commerciale.

 

Contatti

Paola Piacentini
External Relations
+39 335 1270646
paola_piacentini@it.ibm.com

XML feed collegati
Argomenti XML feed
Ricerca
Notizie dai Laboratori