Vai al contenuto principale

IBM: nuova iniziativa di collaborazione per la ricerca sul “Cognitive computing”

Carnegie Mellon, MIT, New York University e Rensselaer Polytechnic studieranno con IBM nuove tecnologie di intelligenza artificiale

Milano 3 ottobre - 03 ott 2013: IBM ha avviato un nuovo progetto di ricerca congiunta con quattro prestigiose università per promuovere lo sviluppo di sistemi di cognitive computing – sistemi come IBM Watson - in grado di apprendere, ragionare e aiutare gli esperti umani a prendere decisioni complesse che coinvolgono volumi eccezionali di dati.

I docenti dei quattro atenei – Carnegie Mellon University, Massachusetts Institute of Technology, New York University e Rensselaer Polytechnic Institute – studieranno le tecnologie e i metodi di supporto per la costruzione di una nuova classe di sistemi che consentiranno alle persone di interagire meglio con i Big Data, in quella che IBM ha definito una nuova era del calcolo.


"Con Watson, IBM ha dimostrato che il cognitive computing è una già una realtà in grado di fornire valore”, spiega Zachary Lemnios, vice President of Strategy of IBM Research. “Sta già iniziando a trasformare il modo in cui i clienti navigano attraverso i Big Data, sta contribuendo a migliorare le conoscenze nel settore sanitario, sta cambiando il modo in cui le aziende conducono le ricerche e offrono supporto ai propri clienti. Serve, tuttavia, molta altra ricerca per identificare i sistemi, le architetture e le tecnologie di processo in grado di supportare un nuovo modello di calcolo, che permetta a sistemi e persone di collaborare in qualsiasi area di competenza".

L’iniziativa di ricerca è stata annunciata in occasione di un convegno tenutosi presso il Thomas J. Watson Research Center, cui hanno partecipato quasi 200 docenti universitari, clienti e ricercatori IBM, che si proponeva di approfondire la comprensione dei sistemi cognitivi e di individuare ulteriori aree di ricerca da perseguire. Questa collaborazione contribuirà a gettare le basi di un Cognitive Systems Institute che, nei piani di IBM, coinvolgerà atenei, istituti di ricerca e clienti.

Oggi sono stati annunciati gli argomenti di ricerca su cui il team inizierà a lavorare:
Massachusetts Institute of Technology – Come i tool e le applicazioni possono migliorare le prestazioni collettive di gruppi di medie dimensioni di esseri umani impegnati in compiti collaborativi, come i processi decisionali.
Rensselaer Polytechnic Institute – Come i progressi nella potenza di elaborazione, nella disponibilità dei dati e nelle tecniche algoritmiche potranno consentire l’applicazione pratica di svariate tecnologie di intelligenza artificiale.
Carnegie Mellon University – Come disegnare sistemi in grado di supportare un’interazione naturale intelligente con tutti i tipi di informazioni, a sostegno di compiti umani complessi.
New York University – Quale impatto ha il “deep learning” su molte aree della scienza, in cui il riconoscimento automatizzato di modelli è essenziale.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.research.ibm.com/cognitive-computing/.


Contatti

Alessandra Apicella
Media Relations
02.5962.5460
ale_apicella@it.ibm.com

XML feed collegati
Argomenti XML feed
Analytics
News about IBM solutions that turn information into actionable insights.
Smarter Planet
News releases related to IBM's Smarter Planet initiative