Vai al contenuto principale

IBM ESPANDE L’IMPEGNO VERSO L’AMBIENTE ATTRAVERSO COLLABORAZIONI CON PUBBLICO E PRIVATI

Ricerca, partnership e nuovi servizi: così IBM aiuta i clienti ad aumentare l’efficienza, raggiungere la sostenibilità e tagliare i costi

Select a topic or year


Segrate - 25 giu 2009: Al Green and Beyond Summit di San Francisco, IBM ha dettagliato i nuovi sistemi per elaborazione dati, le iniziative per la ricerca, i risultati di vendita e le collaborazioni avviate per rispondere alla richiesta che arriva da aziende e amministrazioni pubbliche di tutto il mondo di ridurre i costi ed i consumi di energia - attraverso l’ottimizzazione di sistemi e risorse- e, allo stesso tempo, aumentare l’affidabilità e la responsabilità sociali.

Davanti ad oltre duecento esperti di energia e leader dal mondo degli affari, dell’amministrazione pubblica, dell’università e della finanza, Rich Lechner, IBM vice-president per Energia e Ambiente, ha detto che, in questi ultimi anni, è emerso un nuovo mondo - fatto di forniture di energia volatili, maggiore consapevolezza del problema del riscaldamento globale, una crisi finanziaria mondiale – che ha reso la sostenibilità ambientale delle imprese un imperativo categorico per i clienti. “Aziende, amministrazioni pubbliche, cittadini da tutto il mondo hanno espresso il loro desiderio di fare un uso più efficiente dell’energia e delle risorse naturali,” ha detto Lechner. “Stanno investendo nell’introduzione di intelligenza nei sistemi con la costruzione di edifici più ecosostenibili e dotati di intelligenza tecnologica, infrastrutture per l’Information Technology, le catene di forniture e altre attività, così come nelle utility e nei servizi idrici. Con questo annuncio, mandiamo un chiaro segnale del nostro desiderio di aprire collaborazioni in tutti questi campi.”

Nuova Partnerships - Green Sigma Coalition

IBM ha annunciato la creazione di un’alleanza con i leader più importanti nella metrica, nel monitoraggio, l’automatizzazione, la trasmissione di dati, il software e l’analisi per fornire soluzioni intelligenti per tutti i processi industriali che aumentino i livelli di efficienza e diminuiscano l’impatto ambientale. Membri del Charter della Green SigmaTM Coalition sono Johnson Controls, Honeywell Building Solutions, ABB, Eaton, ESS, Cisco, Siemens Building Technologies Division e Schneider Electric. I membri della coalizione lavoreranno con IBM per integrare i loro prodotti e servizi con la soluzione Green SigmaTM di IBM. Green SigmaTM applica i principi e le pratiche della Lean Six Sigma ai consumi di energia e acqua, alla produzione di rifiuti e alle emissioni di gas serra in tutte le attività e operazioni aziendali – transporti, data center e sistemi IT, centri di produzione e distribuzione, uffici, spazi di vendita, ricerca e sviluppo. Combina misurazione e monitoraggio in tempo reale con analisi avanzate e dashboard che permettono ai clienti di prendere decisioni più informate per aumentare l’efficienza, diminuire i costi e ridurre l’impatto ambientale. “È sempre più importante usare l’energia con maggiore efficienza per fare un miglior uso delle risorse e ridurre le emissioni di gas serra,” ha detto Dr Richard L. Sandor, Chairman e Fondatore della Chicago Climate Exchange. “Siamo incoraggiati dagli sforzi di collaborazione tra servizi pubblici e leader industriali come quelli promossi da IBM, in grado di fornire soluzioni per usi efficienti e ambientalmente responsabili di acqua ed energia.”

"NYSERDA ha una lunga storia di collaborazione con IBM. Insieme, abbiamo investito oltre $15 milioni per migliorare l’efficienza energetica nelle sedi IBM di New York," ha detto Francis J. Murray Jr., Presidente e CEO del New York State Energy and Development Authority. "Siamo orgogliosi di continuare in questa collaborazione con IBM e la Green Sigma Coalition, in quanto rende possibili un’effettiva efficienza energetica e strategie di riduzione delle emissioni di carbonio per le aziende manifatturiere di New York, i data center e altre categorie di attività. Sviluppando strategie energetiche per l’intero Stato di New York, vediamo i problemi e le strozzature causate da soluzioni individuali e dalla diversità dei sistemi, non in grado di scambiarsi informazioni. Applaudiamo l’approccio di IBM di condividere esperienze e tecnologia attraverso la collaborazione a livello di industria con la Green Sigma Coalition di IBM e altre partnership pubblico/privato. L’obiettivo della coalizione di fornire ai clienti una visione unificata delle loro emissioni di gas serra, dei consumi di acqua e gas e della produzione di rifiuti per permettere un’efficienza globale e ridurre l’impatto ambientale rappresenta un significativo passo avanti nel mercato."

Innovazioni per Data Center “più verdi e freschi” e sistemi di stoccaggio dell’energia elettrica di prossima generazione

IBM e l’Istituto Federale Svizzero per la Tecnologia (ETH) di Zurigo hanno annunciato il progetto per la costruzione di un supercomputer raffreddato ad acqua che, primo nel suo genere, riutilizzerà il calore in eccesso per il riscaldamento dei palazzi dell’università zurighese. L’innovativo sistema, denominato Aquasar, diminuirà l’impronta ecologica del sistema fino all’85% e si stima farà risparmiare fino a 30 tonnellate di CO2 all’anno in confronto a sistemi simili dotati delle tecnologie attuali.*

Da quando IBM Research ha sviluppato per la prima volta le Measurement and Management Technologies (MMT) nel 2007, IBM ha completato la misurazione di circa 130mila metri quadri di data center dei nostri clienti in tutto il mondo. Questo lavoro ha permesso di scoprire 38 milioni di kWh di potenziali risparmi per i clienti IBM, la maggior parte ottenibili con investimenti di poco conto o addirittura nulli. Recentemente, questo tool è stato testato congiuntamente con la Southern California Edison (SCE) per verificare la gestione termica e della potenza.

"Grazie ad un progetto pilota che usa questa tecnologia avanzata della IBM Research, siamo stati in grado di aiutare uno dei nostri grandi clienti commerciali nel raffreddare il suo data center del 10 percento," ha detto Lynda Ziegler, SCE senior vice president, Customer Service.

IBM ha anche annunciato il rilascio di una versione real-time di MMT 1.5 in grado di includere la monitorizzazione continuativa e dinamica dell’efficienza termica. IBM Research ha anche svelato l’iniziativa a lungo termine per la creazione di batterie ricaricabili di nuova generazione, capaci di immagazzinare 10 volte più energia delle più potenti batterie agli ion idi litio di oggi. Eventualmente, questa tecnologia potrebbe alimentare reti di distribuzione intelligenti, supportare l’uso diffuso di autoveicoli elettrici e altro ancora.

Facendo leva sulla propria esperienza nelle scienze della materia, in nanotecnologia, chimica verde e supercomputing, gli scienziati al centro di ricerca IBM di Almaden lab a San Jose, California, stanno affrontando un progetto di ricerca della durata di alcuni anni per la realizzazione di una rete di immagazzinaggio dell’energia a basso costo, efficiente e su scala di rete.

Il team prevede di esplorare i sistemi a Litio/Aria ricaricabili, che offrono la maggiore densità di energia di tutti i sistemi di batteria e sono nettamente più sicuri dei tradizionali sistemi a ioni di Litio.

Clienti in tutto il mondo abbracciano la progettazione a efficienza di energia di IBM

IBM ha completato il 100esimo data center scalabile e modulare (SMDC) a supporto della Columbia County, Georgia, le sue agenzie e i suoi cittadini. Negli ultimi due anni, la Columbia County aveva sofferto di cadute di rete a causa di sistemi di alimentazione e di raffreddamento inadeguati. Inoltre, la popolazione della contea è cresciuta del 26 percento rispetto all’anno 2000, aumentando la richiesta di servizi al cittadino che siano disponibili via web e sulle 24 ore.

"L’aumento della popolazione della contea ha portato ad una continua crescita nell’uso dei servizi e dei sistemi dell’amministrazione pubblica, che ha richiesto un rafforzamento dell’infrastruttura IT della contea per venire incontro alle esigenze future," dice Lewis Foster, IT Manager della Columbia County. "Lavorando in comunione con IBM, siamo riusciti a raddoppiare la capacità IT della contea senza per questo aumentare l’impronta energetica, quindi migliorando l’efficienza e progredendo nei nostri sforzi nell’applicazione di soluzioni verdi."

IBM si è rivelata fondamentale nell’aiutare TD Bank Financial Group (TDBFG) a migliorare l’utilizzo dell’energia (PUE) del suo data center primario a Scarborough, Ontario. Inoltre, il TDBFG si appoggia sull’esperienza di IBM nella costruzione di nuove sedi operative. Gli esperti di data center di IBM giocano un ruolo di leadership nella gestione dei prgorammi così come nella consulenza sul raggiungimento della certificazione Leadership in Energy and Environmental Design (LEED) gold certification con un rating di efficienza di 1.6.

"La disponibilità di questo servizio da parte di un’industria leader come IBM è un fattore a complemento delle nostre aspirazioni di riduzione dell’energia nelle nostre attività quotidiane. Va a supporto, inoltre, della nostra ambizione di assicurare che le attività canadesi siano neutrali, dal punto di vista del carbonio, nel 2010," dice Karen Clarke-Whistler, Chief Environment Officer, TDBFG. "lo studio consente di ridefinire le valutazioni PUE e la lista di priorità di una serie di opportunità di miglioramento disponibili. Stiamo lavorando per migliorare il rating del nostro data center."

TDBFG è anche al lavoro con IBM per sviluppare una strategia di mobilità che copra tutti i temi collegati, tecnologia, logistica, risorse umane e tutti quei temi di gestione aziendale associati al lavoro remoto da parte dei dipendenti. Questo permetterebbe alla TDBFG di ridurre la necessità di spazio, riducendo significativamente le emissioni di gas serra connesse all’attività in ufficio.

Per Recology, principale azienda USA nella gestione dei rifiuti, IBM ha condotto la progettazione, costruzione e rilocalizzazione del data center da San Francisco ad una infrastruttura più efficiente e flessibile nella sede di Sacramento. In forza di questo risultato, IBM ha aiutato Recology a ridurre i costi di alimentazione annuali, permettendo di raggiungere i requisiti tecnologici del suo business in via d’espansione, con oltre 600,000 clienti residenziali e 60,000 commerciali. Inoltre, la soluzione fornisce grande disponibilità IT, maggiore produttività da parte del personale, un accesso più facile alle informazioni e ai data di Recology.

"IBM si è impegnata con noi fin dall’inizio per comprendere le nostre necessità di business più critiche e progettare soluzioni appropriate," dice Michael McLaughlin, director of information technology per Recology. "L’esperienza senza pari di IBM nel progettare, costruire e aggiornare un numero di tecnologie nell’arco di soli quattrro mesi sarà certamente di supporto ai nostri piani per una crescita dinamica. È stato veramente un piacere lavorare con IBM in tutto questo progetto."

Nuove capacità di misurazione e gestione dell’uso e dei costi dell’energia

A seguito dello spostamento di uno dei suoi data center nell’area metropolitana di Cincinnati, Ohio, The Kroger Co. si è rivolta ad IBM e Neuwing Energy Ventures per misurare e verificare i risparmi in energia aderendo agli standard di regolamentazione volontari dell’Energy Efficiency Certificates (EECs). Kroger prevede che Neuwing rilascerà l’Energy Efficiency Certificates questa estate a conferma del significativo risparmio energetico raggiunto con questo progetto. Ciascun Energy Efficiency Certificate ottenuto rappresenta una commodity unica e tracciabile che verifica lo specifico ammontare di megawatt/ora risparmiato. Inoltre, Kroger sta facendo squadra con IBM su un progetto pilota nella gestione dell’energia disegnato per aumentare la visibiltà e il controllo dei consumi energetici in corso da parte dell’IT e delle strutture di sede.

La soluzione, che include IBM Tivoli Monitoring for Energy Management, verrà implementata in un data center dell’area metropolitana di Cincinnati per misurare i valori di energia e termici dell’impianto.

Jim Scott, Chief Technology Officer di kroger, ha detto che "Collaborare con IBM permette di esplorare quante delle nostre attuali soluzioni hardware e middleware possono essere sviluppate per aiutarci a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità della corporate. L’impegno di IBM a sviluppare un ecosistema di collaborazioni solido rinforza la nostra convinzione che IBM sia il partner giusto per aiutarci a misurare e gestire gli utilizzi dell’energia e i costi in tutta la nostra infrastruttura."

IBM ha annunciato che IBM e Cisco hanno integrato le soluzioni IBM Tivoli Monitoring for Energy Management e Cisco EnergyWise energy management solution. La nuova soluzione combinata allarga la possibilità di informazioni sui consumi e di policy di ottimizzazione che possono essere gestite dalle soluzioni IBM Energy Management per aiutare le organizzazioni a scoprire, ottimizzare e riportare gli utilizzi dell’energia nei loro data center e nelle infrastrutture di business. IBM e Honeywell integreranno Tivoli Monitoring for Energy Management con le offerte EBI e Tridium di Honeywell. IBM ha annunciato la disponibilità di capacità avanzate nella sua soluzione Tivoli Energy Management v6.2.1, disponibile dalla fine di giugno 2009. Questo rilascio aumenta l’integrazione tra IBM Tivoli Monitoring for Energy Management e APC by Schneider Electric's InfraStructure®Central Management Platform Suite, Johnson Controls' Metasys, e le offerte di altri partner per estendere in modo significativo la base di chillers, CRAC, generatori, UPS e PDU che possono essere monitorate e gestire con le soluzioni IBM.

Numerosi clienti stanno esplorando in modo reattivo il valore che viene fornito dall’integrazione di IBM Tivoli software con partner come Johnson Controls e APC. Il nuovo IBM Maximo Asset Management for Energy Optimization sarà disponibile dal 14 agosto. Questo prodotto fa leva su dati provenienti da IBM Tivoli Monitoring for Energy Management per fornire una visualizzazione in tempo reale di alimentazione, temperatura, umidità e così via partendo dal layout fisico dei datacenter e di altri edifici.

Nuovi approcci nella gestione di acqua e rifiuti

 IBM sta collaborando con la San Francisco Public Utilities Commission (SFPUC) per aiutare a gestire i 1600 chilometri di sistema fognario della città e i tre impianti di depurazione, che aiutano a ridurre l’inquinamento nella Baia di San Francisco Bay e nell’Oceano Pacifico. L’SFPUC tratta una media di 80-90 milioni di galloni di acque reflue durante la stagione secca con picchi di 370 millioni di galloni durante i periodi di pioggia. L’SFPUC usa IBM Maximo Asset Management software per fornire visibilità alle operazioni di manutenzione e all’infrastruttura fisica. Il software si integra con i servizi 311 e 28-CLEAN Customer Service della città. Entrambi sono centri di distribuzione che maneggiano problemi non emergenziali, come pozzanghere veicoli abbandonati e problemi alle fognature come odori rilasciati, tombini scoperchiati e acque piovane in eccesso.

"Con l’utilizzo di IBM Maximo Asset Management software, i problemi si risolvono spesso nell’arco di 24 ore," dice Tommy Moala, Assistant General Manager, SFPUC Wastewater Enterprise. "Il vero valore del software IBM, però, risiede nelle informazioni che raccoglie e che possono permetterci di migliorare la riduzione dell’inquinamento idrico. Per esempio, con alcune raccolte storiche di ordini generate dal software IBM possiamo vedere che abbiamo ricostruito una pompa, mettiamo, dieci volte, e che sarebbe forse il momento di sostituirla. Il software ci aiuta a ridurre i costi di gestione del sistema fino all’ultimo componente."

Contatti

Franco Cavalleri
External Media Relationships
+39 02 5962 5663
+39 347 436 7601
franco_cavalleri@it.ibm.com